Sembra un sogno questo ritorno che mi smuove tutto. Sono così emozionata che faccio fatica a dormire e non me ne importa – quasi una perdita di tempo riposare a letto!

Faccia a faccia con la mia saudade…pensavo di farla fuori tornando nei posti della felicità e invece l’ho solo aumentata, mi si è attaccata sulla pelle come un tatuaggio e a questo punto me la porterò sempre dietro, una malattia buona.

È bello sentirsi come a casa, anche se alcune cose sono cambiate,  fare il gioco delle differenze: questo c’era, questo no.

Cammino tanto e volentieri, mi mancavano queste salite! Tengo per mano i ricordi e con loro tutte le persone che ho conosciuto tra questi vicoli e che ora sono in altri luoghi.

Aspetto, coccolandomi nella pazienza, di fronte al sole che sta calando, le facce che voglio rivedere.

Passato e presente si fondono e non si capisce, quando alzo la testa e vedo il cielo sempre luminoso, quali sono i ricordi, qual è la realtà, quale il sogno. Forse tutto, forse nulla.

Che luce in questa città di ciechi e navigatori!

Non finirà mai di sorprendermi, come la prima volta.

Immagine

Annunci